Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando a visitare il sito ne accetti l'uso.    Pił informazioni  

 Ok 
 
Pari e Uguali aps
Associazione di promozione sociale per diffondere una cultura di paritą
 


N° 003/2018  
FONTE: Libero GIORNO E DATA: lunedì 15 gennaio 2018
PAGINA: 1 e 15 AUTORE: Brunella Belloli

 

 

Calano i maschi assassini
 

 

Raddoppiano le femmine che uccidono altre femmine
Quando le donne ammazzano altre donne
 

Nel nuovo millennio in calo le uccisioni fra uomini, sono cresciute quelle al femminile. Tipologia più usata: l’asfissia

 

Eva contro Eva non è mai stata una realtà tanto attuale. I femminicidi esistono, impossibile negarlo, ma se la vittima è certamente di sesso femminile non è detto che l’autore sia sempre il maschio di turno. A volte è anche donna. Oddio l’uomo che uccide la moglie, la compagna, la madre dei suoi figli, per gelosia o ansia di possesso, per non volere ammettere la fine di una relazione, è talmente all’ordine del giorno che ci hanno costruito su trasmissioni tv e campagne infinite. C’è il giorno dedicato alla lotta contro la violenza sulle donne (25 novembre) e c’è chi ha perfino deciso di cambiare il finale della Carmen di Bizet per essere in linea con le proteste delle femministe indignate in tutto il mondo.
Per carità. Le statistiche sono piene dei racconti di violenza brutali ai danni delle signore e per molto tempo, nel nostro Paese, uccidere è stato un atto confinato all’interno della popolazione maschile. Le donne assassine erano così poche da essere subito declassate nella categoria delle pazze. Rinchiuse e dimenticate.
Adesso, però, non è più così e non, come potrebbe sembrare, per una reazione al fenomeno del femminicidio. Lo dicono i dati raccolti negli archivi del ministero dell’Interno, lo confermano le tendenze studiate dai sociologi che parlano di «straordinari mutamenti avvenuti in Italia nel campo della criminalità violenta». Intanto sono calati in generale gli omicidi. Se nel 1991 erano quasi duemila, cioè 3,4 per 100mila abitanti, nel 2016 il numero è calato a 397 (0,65). Poi sono cambiate le caratteristiche demografiche degli autori del delitto. È mutata la loro composizione per età: meno omicidi compiuti tra i 26 e 40 anni ovunque, ma soprattutto nel Mezzogiorno, proprio nello strato della popolazione più sofferente a causa della crisi economica.
Certamente anche oggi, in prospettiva, è più facile che a compiere un delitto, perfino un semplice furto, sia un uomo. Agli inizi degli anni Novanta le donne ladre costituivano il 10 per cento dei condannati per il reato Barbagli e Alessandra Minello per Lavoce.info, mostra che vi è stata una convergenza tra la criminalità maschile e quella femminile, di sicuro per quanto riguarda i reati meno gravi come la truffa o le rapine. E questo, spiegano gli esperti, per il crescente numero di donne entrate nel mondo del lavoro: hanno più occasioni per commettere illeciti penali.
Se guardiamo, poi, le statistiche sugli omicidi, anche qui il divario di genere è diminuito. La quota delle donne sul totale delle persone denunciate o arrestate per questo delitto è più che raddoppiata, passando dal 3,9 per cento del 1992 al 9,1 per cento 2016. Insomma ammazzano più di prima e su questo non c’è differenza geografica che tenga: il mutamento delle “abitudini”.
Si è registrato sia nelle regioni del centro-nord, sia al meridione e nelle isole. Dagli inizi degli anni duemila sono aumentate le assassine mentre sono diminuiti gli omicidi compiuti dagli uomini.
Ma chi pensa che le ragazze con la pistola (o con il coltello) siano diventate così agguerrite in seguito all’esplodere dei femminicidi, si sbaglia: non è una reazione al maschio carnefice. Non è solo una questione di legittima difesa. Se prima il gentil sesso rappresentava solo l’8 per cento degli autori di omicidi (ma il 30% delle vittime), la situazione è cambiata nel senso che sono aumentate le uccisioni di donne da parte di altre donne. E il fattaccio di una lei contro un’altra lei si consumava non in ambito di criminalità organizzata (che avviene molto più di altre di altre tipologie fra uomini), ma a seguito di risse, liti per motivi passionali o familiari.
E poi le donne come uccidono? Tra noi prediligiamo l’asfissia. Mentre se dobbiamo far fuori un uomo l’arma da taglio o da fuoco è la più usata, proprio come quando l’autore del delitto è uomo e la vittima è donna.
 

 

CRIMINI SENZA SESSO
Nell’ultimo quarto di secolo in Italia sono avvenuti straordinari mutamenti nel campo della criminalità violenta. Non solo sono diminuiti i numeri degli omicidi passando da 1.916 casi del 1991 a 397 del 2016, ma sono cambiati anche gli autori del delitto.

 

LO STUDIO
Secondo un recente studio compiuto dal professor Marzio Barbagli, sociologo e docente già direttore dell’Istituto Cattaneo di Bologna e da Alessandra Minello, Research Fellow in Sociologia all’Istituto universitario Europeo a Firenze, ora sono in aumento gli omicidi commessi da donne. I due esperti hanno analizzato i dati presenti nell’archivio del ministero dell’Interno.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

PER SCARICARE IL PDF CLICCARE QUI

 

 

 


 

Commenti