Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando a visitare il sito ne accetti l'uso.    Pi¨ informazioni  

 Ok 
 
Pari e Uguali aps
Associazione di promozione sociale per diffondere una cultura di paritÓ
 


N° 012/2017  
FONTE: LIBERO GIORNO E DATA: venerdì 21 aprile 2017
PAGINA: 1 e 16 AUTORE: AZZURRA NOEMI BARBUTO

 

 

Quando l’aggressione non ha sesso

 

In Italia cinque milioni di uomini vengono malmenati dalle donne

 

Siamo abituati a parlare solo di femminicidi, ma le statistiche dicono che sono numerose le violenze fisiche e psicologiche subite dai maschi. Spesso non denunciate per vergogna

 

La mantide religiosa divora il maschio durante il rapporto sessuale. Lo abbraccia e se ne nutre. La lucciola Photurius attira i maschi usando i suoi segnali luminosi, poi li divora senza pietà. La vedova nera, uno dei ragni più velenosi del mondo, si libera del maschio uccidendolo una volta terminato l’accoppiamento.
Nel mondo animale, come in quello umano la violenza non ha genere e le femmine possono essere carnefici spietate e assassine brutali al pari dei maschi. Eppure gli esseri umani, nonostante gli omicidi che hanno come vittime le donne siano in calo – stando alle statistiche -, hanno coniato il termine “femminicidio” che rafforza lo stereotipo secondo cui il genere femminile è sempre vittima indifesa ed inerme dell’uomo-mostro, che approfitta della sua forza fisica per dominare la donna fino ad annientarla.
E se, da un lato, la violenza non ha sesso, essa certamente ha tante forme, alcune di queste tanto subdole da rendere difficile la presa di coscienza da parte della vittima della condizione in cui si trova.
Questo accade soprattutto quando ad essere vittimizzati sono gli uomini. La società stessa rifiuta l’idea che una donna possa fare del male, perché l’immagine femminile ci rimanda all’idea di madre amorevole, creatrice di vita e non di violenza e morte. L’uomo vittima di violenza subisce in silenzio perché sa benissimo che, qualora decidesse di raccontare ciò che gli succede, non verrebbe creduto o perderebbe la sua virilità agli occhi di amici, o parenti, o colleghi di lavoro. Anch’egli, in fondo, deve rispondere e corrispondere ai canoni della società, che lo vorrebbe forte, maschio, deciso, sicuro.
Un uomo che denuncia una violenza sessuale fa quasi ridere. Una donna, invece, viene creduta e supportata. «Due maschi su dieci nel nostro Paese subiscono molestie, ma pochi hanno il coraggio di denunciarlo. Persistono dei blocchi, il più grande di questi è quello culturale che porta il soggetto a chiudersi, a tacere, a continuare a subire in silenzio per un imperativo categorico: dovere fare l’uomo», spiega Pasquale Giuseppe Macrì, docente di medicina legale presso l’Università di Siena.
Quando si parla di violenza sugli uomini non è possibile arrivare a dati certi, bensì solo sottostimati, perché si tratta di episodi che non vengono denunciati per pudore. Tuttavia, il fenomeno non solo esiste ma è in aumento. Secondo un’autorevole ricerca condotta nel 2012 da un gruppo di studiosi guidato dal Macrì, più di 5 milioni di uomini ogni anno in Italia sono vittime di violenza fisica da parte delle donne e 3,8 milioni hanno subito uno stupro, sempre secondo tale studio, sono 6 milioni gli uomini vittime di violenza psicologica e 2,5 milioni subiscono atti persecutori da parte delle donne.
Dati che non si discostano da quelli relativi alla violenza sulle donne.
Quest’ultime aggrediscono gli uomini soprattutto all’interno dell’ambiente domestico sia dal punto di vista fisico che psicologico, mentre la violenza degli uomini sulle donne si estrinseca più di frequente fuori casa. Le donne prediligono ricorrere alla violenza psicologica, la quale non è meno pericolosa di quella fisica, in quanto crea danni alla persona che li subisce che si sente incapace, inadeguata, debole, impotente, terrorizzata dalle minacce che le vengono fatte, di solito di tipo affettivo (privare il padre della possibilità di vedere i propri figli è la minaccia più diffusa nei casi di maltrattamento). Le conseguenze possono essere: abuso di alcol e droghe, depressione, ansia, sensi di colpa o di vergogna, fobie, attacchi di panico, disturbo post-traumatico da stress, disturbi psicosomatici.
Se alla donna reagire e difendersi sono azioni non solo consentite ma anche consigliate, per l’uomo, invece costituiscono un ulteriore pericolo, ossia quello di essere considerato un violento, nonostante sia vittimizzato.
Uscire da questa spirale per gli uomini è spesso impossibile, giacché essi stessi non si percepiscono come vittime. Inoltre anche dal punto di vista giuridico, la donna è più tutelata rispetto all’uomo, proprio perché percepita quale soggetto più fragile, e più severe sono le pene inflitte agli uomini che maltrattano o uccidono il sesso opposto piuttosto che alle donne che compiono gli stessi reati.
Ma perché le donne diventano sempre più aggressive? Secondo Mario Mancini, andrologo ed endocrinologo presso l’ospedale San Paolo di Milano, l’aumento dell’aggressività riguarda sia gli uomini che le donne e sarebbe dovuto a un calo della serotonina e dell’ossitocina, che sono ormoni del benessere, accompagnati da un aumento del testosterone, l’ormone maschile, che sta alla base di istinti aggressivi. «Questa combinazione di fattori ci porta a tirare fuori più facilmente l’aggressività che è insita in ognuno di noi. Oggi la vita quotidiana è diventata più stressante, viviamo tutti al limite di una crisi di nervi e basta poco per reagire in modo anche violento», spiega Mancini, che ritiene che non si possa capire bene la violenza senza considerare il ruolo fondamentale che gli ormoni svolgono sul nostro cervello.
Inoltre «la donna di oggi è diventata più forte psicologicamente ed è capace di dominare l’uomo con la sua capacità retorica. Persino le madri sono più aggressive e rendono spesso succubi i figli maschi. Infatti oggi il figlio maschio raggiunge l’autonomia con difficoltà. Mamme più aggressive fanno figli più deboli, che diventano a loro volta, con maggiore facilità, o vittime di violenza o carnefici, questo è dimostrato scientificamente», osserva l’andrologo.
Per contrastare il dilagare di questa aggressività gratuita, secondo Mancini, «la mossa più efficace sarebbe conoscere più a fondo i nostri ormoni per gestirli al meglio senza restarne vittime inermi».

 

LIBERO
LA VIOLENZA IN NUMERI
Sono circa 3,8 milioni gli uomini in Italia che hanno subito abusi per mano femminile. E per i giovani il dato è allarmante: nel 2014 gli abusi hanno riguardato il 39% dei ragazzi rispetto al 35% delle coetanee italiane. La denuncia è di Pasquale Macrì, docente dell’Università di Arezzo che ha realizzato il primo ed unico studio sul tema nel 2012. L’esperto calcola che i 4 milioni di uomini abusati rappresentano il 18,7% del totale della popolazione maschile italiana tra i 18 e i 70 anni. Come a dire che due maschi su dieci nel nostro Paese subiscono molestie, ma pochi lo denunciano.

COME E DOVE
Secondo la rivista dell’American psychological association che parla di 4 uomini su 10 che tra la scuola superiore e università sarebbero stati costretti ad avere rapporti non consensuali. Nel 31% dei casi la coercizione sarebbe stata verbale, nel 18% fisica e nel 7% di casi attraverso la somministrazione di droghe. Il 95% degli intervistati ha spiegato che a mettere in atto le violenze o le molestie sarebbero state delle donne.
 

 

 

 

 

  PER SCARICARE IL PDF CLICCARE QUI

 


 

Commenti